Io convivo con un lupu’s…una storia…la mia…guerriere si diventa…

E’ passato un mese dal giorno che ho preso in mano per la prima volta una copia del libro, che avevo deciso di scrivere, ed è un mese che a parte qualche foto o annuncio, lo tengo sempre qui accanto a me proteggendolo come fosse un neonato.

Non è stato facile scriverlo, e non è facile donarlo al mondo, perché al di la del fatto che si parla di una malattia a molti sconosciuta, si parla di me, del mio privato, dei miei sentimenti, di un vissuto non facile e sofferto, grandi gioie ma grandi dolori, lotte, resilienza, coraggio, paure, incognite, speranze e un futuro al quale non so dare una collocazione ben precisa. Si perché il LUPUS, non ti permette di pensare oltre al quotidiano, non ti avvisa del suo percorso, decide e ti trascina con se in un vortice di paura dove ogni volta ti ritrovi persa e ti aggrappi inesorabilmente alla sola grande volontà di vivere, di superare ancora una volta, di ricominciare.

Ammaccata, ferita, delusa e molte volte priva di qualcosa, offesa nell’animo, cerchi di risalire lentamente fino a sperare che la bestia cada nuovamente in remissione e ti dia il tempo per riprendere le forze fino alla battaglia successiva.

Intanto il tempo passa, tante rinunce, forze che mancano e tanti perché nell’anima. Ma nonostante tutto sono fortunata, perché ho un carattere a differenza della malattia, non remissivo, non ho mai accettato di convivere con la bestia, come la chiamo io, e quindi ho sempre rifiutato ogni limitazione sfidandola, a volte, ho vinto e molte volte ho perso ma non mi sono mai tirata indietro in ogni battaglia.

Avrei voluto una vita diversa, semplice ma diversa, ma sembra illogico dirlo; ” il Lupus” mi ha resa quella che oggi io sono, forte, determinata, empatica e soprattutto ha sviluppato in me capacità di sopravvivenza che non conoscevo. Ogni giorno mi reinvento creando le condizioni adatte al momento, ho appeso le scarpette da ballo al chiodo ma ho dipinto, ricamato, sperimentato ricette fino a che ho aperto un cassetto che avevo persino dimenticato in un vecchio armadio del cuore, e ho trovato la mia strada. Scrivere. Ed è quello che faccio ormai da diversi anni, la mia medicina, il mio esternare ogni sentimento negativo, la mia comunicazione con il mondo, le mie emozioni.

Continuerò a convivere con la bestia poiché purtroppo morte sua morte mia, ma come tutte le convivenze forzate mi prenderò sempre i miei spazi e tutte le cose belle che la vita ha da offrirmi in ogni attimo e in ogni secondo.

Il mio domani è ieri il mio oggi è ora…carpe diem..ed è ora che lasci andare questo neonato e lo mandi nel mondo a trasmettere il messaggio,che uscendomi dal cuore, voglio dare a tutti . FORZA E CORAGGIO la vita vale sempre la pena di essere vissuta anche se non proprio tutta a colori… i colori mettiamoceli noi… e costruiamo la tela che forse non tutti potranno capire, poichè non  tutti sanno apprezzare l’arte. ma se anche solo pochi si fermeranno a guardarla ,sarà comunque qualcosa che resterà del nostro passaggio  in questa vita, nella quale forse si siamo diversi ,ma unici nell’amore che abbiamo per essa.

Quindi che vi posso dire io ho messo a nudo le mie paure, voi liberate le vostre. ciao dalla bella e la bestia… (in questo caso la bestia sono io…) patty5

PRESENTAZIONE UFFICIALE SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2018

ROMA FRANCOFORTE LONDRA E USA a date da definirsi. SKY TV MEDIASET E RADIO disponibile on line e prossimamente in tutte le librerie in Italia.

download

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...