…le parole che non ti ho detto…ma che avrei voluto capissi da solo

C’è inevitabilmente una parte irrazionale che ancora spera in una fusione totale con un altro essere umano al punto di arrivare a pensare che, come due corpi si uniscono formando un unica essenza, anche le menti possano superare ogni barriera e per un incanto non apparentemente umano possano congiungersi attraversando cellule e neuroni fino ad arrivare nella parte più piccola del nostro cervello , la più importante, quella che determina ogni nostro stato d’animo, ogni emozione. Leggere nel pensiero questo è ciò che tutti vorremmo poter fare e poter ricevere.

Sarebbe tutto così semplicemente facile, IO SOFFRO, tu soffri, io rido, tu ridi, io piango, tu piangi e mi senti e capisci cosa sto provando, cosa vivo, quante cose passano dentro la mia testa ogni giorno. Mi viene in mente il film AVATAR quella completa unione, una compensazione totale di due esseri, un legame oltre la fisicità ma unico e totalizzante.

Il sogno, ma la realtà…la realtà è che molte volte non parliamo più, la frustrazione di non essere capite, ci porta a chiudere ogni collegamento con chi ci sta di fronte, si innalzano muri che quello di Berlino nulla a confronto, barriere impenetrabili, angoscia e disperazione si affacciano nella nostra vita, solitudine e rabbia diventano quotidiana dose di distruzione di massa di quel poco di autostima che ci rimane.

Tutto questo porta inevitabilmente in un unica direzione… devastazione di qualunque tipo di rapporto si possa parlare. Comunicare sta diventando più che prendere un ansiolitico o un antidepressivo. In fondo per quelli serve solo un po’ d’acqua.

Comunicare richiede tempo, voglia, argomenti, attenzione. Comunicare significa donarsi all’altra persona per un tempo seppur breve ma intenso, annullare tutto ciò che ci circonda prestando attenzione a chi in fondo ci interessa veramente. Comunicare vuol dire saper ascoltare non solo con le orecchie ma con il cuore. Comunicare  molte volte è la chiave per non perdere chi diamo per scontato, ma che scontato non è.

Quindi a meno che pensiate di essere tutti degli Avatar con poteri extracorporei tali da pensare per due, forse sarebbe il caso di cominciare a comunicare e soprattutto ascoltare ciò che tante volte non è facile dire.

Non esiste il silenzio degli innocenti, perchè chi non comunica è colpevole come chi non ascolta, non bisogna avere paura di tirar fuori anche la parte più intima dei  nostri pensieri , perchè solo così nessuno potrà mai vivere nel rimpianto rifacendo il remake del famoso film…LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO…patty5

locandina

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...